Cappella della famiglia Conti

piazza Conti

piazza Conti

La cappella Conti è adorna di finissimi stucchi seicenteschi e di tre pitture Su tela.

Pregevole quella sull’altare, l’Adorazione dei Santi Re Magi.

A destra di chi lo guarda, si scorge il prezioso mosaico della effigie d’Innocenzo III Conti, proveniente dall’abside dell’antico S. Pietro, e che ritrae il busto originale del Papa (1198-1216), che lo fece eseguire.

A sinistra un mosaico con l’effigie di Gregorio IX, anch’esso un Conti, il quale era sulla facciata antica della stessa Basilica di S. Pietro (a. 1227-1241).

Sopra l’altare  incassato dentro un’iscrizione marmorea vedesi la fenice radiata simbolo d’immortalità, che era nell’abside della detta Basilica sopra una palma.

Quando l’antico S.Pietro venne demolito Lotario II ebbe questi due preziosi ricordi dei Pontifici, della sua famiglia e li fece porre in questa cappella da lui fabbricata.

 

Tratto da Guida Storico Artistica di Poli di Mons. Giuseppe Cascioli.

Facebooktwittergoogle_plusmail